Yoga tibetano

 

 

Lo Yoga Tantrico Spirituale Tibetano è una pratica tradizionale lue jong (lus sbyong - allenamento di corpo/mente) ricevuta dal Prof. Pasang Y. Arya.

Il materiale sullo Yoga Tantrico qui esposto è stato utilizzato con il Suo permesso.

Mi è stato concesso l’onore di continuare a ricevere tali elevati insegnamenti, sullo stesso argomento, durante ogni ritiro con Lui.

Ringrazio il Prof. Pasang Y. Arya per la Sua generosità, la guida e il sostegno nel realizzare questo speciale progetto messo a disposizione degli altri.

Descrizione: Descrizione: ../../../Da%20internet%20a%20programma/MITI%20-%20Narrazioni%20e%20vicende_file/Motivo.gif

Secondo i “Quattro Tantra” (testi fondamentali della Medicina Tibetana), tutti gli esseri viventi, sono l’espressione tangibile dell’armonioso aggregarsi dei cinque elementi (Terra, Acqua, Fuoco, Aria e Spazio); ogni elemento, nell’ambito umano, sotto il controllo della Coscienza, è adibito alla formazione del corpo, della mente e dell’energia, manifestando così uno straordinario macrocosmo nel microcosmo dell’essere umano.

 

corso di yoga tantrico tibetano formativo

 

Vista la profondità dello Yoga Tantrico Spirituale Tibetano e analizzata l’importanza di integrare nel profondo e in modo significativo sia la pratica sia gli insegnamenti, nell’anno accademico 2018/2019 si svolgerà un ulteriore approfondimento del Dharma e perfezionamento della pratica. A tale corso possono aderire tutti i cercatori che sono seriamente motivati a intraprendere un percorso volto a tal disciplina e all’autoanalisi; percorso che ha come motivazione principale l’espansione della coscienza e l’apertura del cuore verso tutti gli esseri.

Per chi si avvicina a tale yoga per la prima volta, o sa a priori di non poter frequentare con continuità (sono concesse due assenze ogni dodici lezioni), è consigliabile il corso propedeutico.


Milarepa

(Copia a china e acquerello realizzata da Tania Boscolo)

 

La pratica del rLung (vento psichico) è ciò  che differenzia lo Yoga Tibetano dallo Yoga praticato comunemente in Occidente. Questa pratica fu perfezionata dal famoso Maestro indiano Naropa e dal suo illustre discepolo tibetano Lama Marpa Lotsawa  (1012 – 1096); Marpa divulgò, in Tibet, una nuova tradizione di meditazione (gsar ma) e lo yoga tantra di Naropa.

 

I sei Darma di Nāropa sono:

Tummo        (gtum mo)          yoga del calore psichico

Gyuma         (sgyu ma)           yoga del corpo illusorio

Odsal            (o’d gsal)            yoga della chiara luce

Phowa          (pho ba)             yoga del trasferimento della consapevolezza

Nyilam         (rmi lam)             yoga del sogno

Bardo           (bardo)                yoga dello stato intermedio

 

Prima di praticare i sei yoga fisici e mentali occorre eseguire lo yoga tantrico, parte di un training specifico dello yoga di Naropa. Questa pratica preliminare è molto importante per diventare dei candidati qualificati alla pratica dei sei dharma di Nāropa.

La costanza in tale pratica può condurre nella città in cui si trova il palazzo di corpo/mente; trasformando questi ultimi in pura bellezza illuminata vi è la liberazione dal saṃsara.

 

La peculiarità di tale yoga si basa sull’allenamento della mente alla pura consapevolezza, sulla visualizzazione e pulizia dei canali e dei chakra e mira, come fine ultimo, al raggiungimento dello stato illuminato di Buddha.

Gli esercizi fisici della pratica Lue jong, oltre a rendere elastico il corpo, se eseguiti con sincera motivazione, rivelano il gesto rituale determinando la consapevole unità di microcosmo e macrocosmo.

 

- Benefici di tale pratica -

 

*  Gli insegnamenti dello yoga tibetano, basati sul sistema olistico,  affermano che se i canali energetici e i chakra sono puliti si avrà un corpo sano e si vivrà più a lungo.

 

*  Con una pratica costante è possibile prevenire e in molti casi curare disordini energetici e fisici, anche tramite esercizi individuali.

 

*  La mente e il Vento (rLung – Prana in sanscrito) sono uno, pertanto se il Vento scorre in modo armonico all’interno del nostro corpo, anche la mente ne trarrà beneficio. Vi saranno, quindi, il miglioramento della memoria e l’aumento della consapevolezza.

 

*  La dimensione spirituale, corona di tale pratica, non è restrittiva a un profilo religioso, ma segue l’insegnamento fondamentale di tutte le religioni; l’amore e la compassione per tutti gli esseri viventi. Su tale fondamento si basa l’etica quotidiana del praticante.

 

Questa pratica yogica è svincolata dalle restrizioni della presa d’iniziazione e dalla presa dei voti samaya. Comunque sia, queste pratiche sono legate a una disciplina personale spirituale, ed è per questo motivo che ne è vietato l’uso improprio.

 

Programma

Tutti i tipi di tantra contengono tre soggetti di studio:

1)     Conoscere il proprio corpo

2)     La pratica

3)     L’ottenimento dell’illuminazione

 

 

Argomenti base

1)   Tsa e Korlo           (rtsa 'khor)                           canali e chakra

2)   rLung                    (rlung)                                   il Vento

3)   Drod                     (drod)                                    il calore psichico

4)   Thigle                    (thigle)                                   goccia di essenza

5)   Namparschepa   (rnam par shes pa)              mente o coscienza

Teoria e Pratica

1)     Le prosternazioni

2)     Esercizi per I cinque rlung maggiori

3)     Esercizi per i cinque rlung minori

4)     Lo yoga degli elementi

5)     Meditazione Schine

Pratica Lue Jong

 

Il termine Lue jong è suddiviso in due sillabe, con Lue s’intende la mente condizionata e quindi confusa e insoddisfatta, Jong significa addestrare; nell’insieme indica, quindi, addestrare la mente condizionata.

Tale addestramento non induce a uno stato artificioso di gioia e nemmeno crea stati illusori di pace e felicità, ma induce la mente a riconoscere gli stati illusori della sofferenza di cui è vestita. Tali stati illusori, prodotti da un ego spaventato e confuso, divengono, tramite la pratica Lue jong, strumento di liberazione e, senza dubbio, d’illuminazione.

 

I corsi sono a numero chiuso e si svolgono presso la sede del centro nei seguenti giorni:

 

MARTEDì              Sera          dalle ore 20.30 alle ore 22.00      (attivo dal 25 settembre 2018)

 

MERCOLEDì         Sera         dalle ore 20.30 alle ore 22.00     (attivo dal 26 settembre 2018)

 

 

 

 

Casella di testo: Corso yoga autorizzato dal Prof. Dott. Pasang Y. Arya T. Scherpa
Direttore del The New Yuthok Institute for Tibetan Medicine
Sesto S. Giovanni –  MI 

www.newyuthok.it       -      info@newyuthok.it
 

 

 

 

 

 

 

 


CORSO PROPEDEUTICO

Il corso propedeutico è stato mantenuto per non precludere la possibilità a chi, nuovo di tale disciplina o impossibilitato a frequentare con continuità, desideri beneficiare di tale preziosa arte antica.

Ogni lezione consta di tre tempi congiunti:

*            Uno teorico per lo sviluppo della consapevolezza; tramite l’insegnamento del Dharma si applica una profonda meditazione sulla struttura e sui meravigliosi meccanismi del corpo e della mente al fine di comprendere il vero significato dell’esistenza.

 

*            Uno posturale (tecniche di respirazione e pratica di asana); le tecniche utilizzate, semplici ed accessibili a tutti, agiscono sugli organi, sulla colonna vertebrale, sulla muscolatura profonda, sui chakra e sui canali sottili, inoltre, corredate da mantra specifici (formule fonetiche) coinvolgono la sfera fisica e mentale educando all’attenzione ed alla consapevole percezione corporea.

 

*            Uno energetico (meditazione attiva e lessico immaginale); implica l’intervento dell’emisfero destro del cervello preposto alle funzioni del pensiero astratto, dell’intuizione, della comprensione olistica, delle qualità artistiche e della capacità di sintesi. E’ una meditazione guidata che utilizza come base i cinque elementi con lo scopo di indurre all’espansione della coscienza e di condurre a un profondo senso di pace e di benessere.

 

Nella sua totalità il corso di Yoga Tibetano propedeutico ha il fine di ristabilire l’equilibrio tra corpo-mente-energia, di migliorare il processo metabolico del corpo, di ripristinare la creatività innata, di indurre alla pace, al rispetto per la vita e per l’essere umano.

Tocca a noi coronare tutto questo con una buona motivazione, una piccola dose di pazienza, costanza e perseveranza.

 

I corsi si svolgono il Lunedì nei seguenti orari:

 

LUNEDì      Sera            dalle ore 20.30 alle ore 22.00      (attivo dal 24 settembre 2018)

Per dare la possibilità a nuovi ingressi durante l’anno accademico, si suddividono gli incontri in tre cicli di dodici lezioni come segue:

                                                                                                         Primo ciclo:        dal 24 Settembre 2018 al 10 Dicembre 2019 – 12 lezioni

                                                                                                         Secondo ciclo:    dal 17 Dicembre  2018 al 01 Aprile       2019 – 12 lezioni

                                                                                                         Terzo ciclo:         dal 08 Aprile        2019 al 08 luglio         2019 – 12 lezioni

Lo Yoga Tibetano è un percorso di crescita che si evolve nel tempo, per questo motivo si comunica che

non è possibile partecipare a una serata di prova poiché elude la possibilità di verificare l’efficacia e l’importanza di tale disciplina.

Descrizione: Descrizione: j0436875

 

 

 

 

 

Per la tua adesione ai corsi clicca qui  Studio Rebis 

 

Home page: www.studiorebis.it