Sabato 01 Giugno 2019

Ore: mattino 10.00/12.00 c.ca - pomeriggio 14.30/16.30 c.ca

Cerimonia rituale del "Lha"

e

Cerimonia di lunga vita di Tara Bianca

La via tibetana alla cura del trauma

La cerimonia del "LHA" occupa un posto speciale nelle pratiche di guarigione della tradizione tibetana ed Ŕ praticata da astrologi, monaci e guaritori.

"LHA" in tibetano significa corpo superiore, corpo di luce, corpo sottile, esso Ŕ una copia esatta del corpo fisico; corrisponde al termine utilizzato in occidente di corpo astrale o corpo energetico.

Se il corpo fisico e quello sottile sono in sintonia, l'individuo si sente armonico, libero da dubbi, da stati confusionali, ha una buona capacitÓ di concentrazione e il sistema immunitario in perfetto equilibrio.

Al contrario appaiono sintomi depressivi, attacchi di panico e stati ansiosi, scarsa concentrazione, incubi notturni e la sensazione di malessere generale senza cause evidenti. Se una persona perde il proprio "LHA", secondo la cultura tibetana, perde la sua libertÓ di essere e di vivere.

La cerimonia del "LHA" ripristina la connessione del corpo fisico con quello sottile, ne riabilita la corretta posizione e lo cura nel caso fosse stato danneggiato. Inoltre, protegge il corpo e la mente dagli influssi negativi, purifica le energie interne ed esterne a beneficio della salute fisica e psichica.

Tara bianca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tara Ŕ la saggia madre di tutti i Buddha e occupa un posto speciale nel cuore dei buddhisti.

Le due forme pi¨ popolari e conosciute di Tara sono Tara Verde e Tara Bianca.

La grande pacifica Tara Bianca Ŕ la dea che concede lunga vita, libera dai danni spirituali, dal karma negativo, dalle illusioni e dalle malattie.

 

 

Ringraziamo i Monaci Tibetani che ogni anno ci onorano della loro presenza.

foto monaci